martedì 1 maggio 2012

Quello che dico, non sarà certo originale per carità, ma è che se uno vuole solo una scusa per cazzeggiare e fare shopping (e va benissimo eh, facciamola girare sta' economia, io poi sono una spendacciona cosmica figuriamoci) non ha che mettersi di impegno a fare in modo che venga istituita la giornata mondiale dello svacco e shopping. Allora nella giornata mondiale dello svacco e shopping tutti gli statali e i lavoratori con un regolare contratto di lavoro (sì fa ridere lo so) avranno diritto a ferie retribuite e riconosciute durante le quali potranno bellamente cazzeggiare e sperperare tutti i propri quattrini giustamente e faticosamente guadagnati durante le proprie istituzionalizzate e protette otto ore lavorative quotidiane. Oggi però, 1 maggio, è la Festa del lavoro la quale implica che NON si lavora e che quindi i negozi stanno chiusi. I negozi, così come gli uffici per dire, stanno chiusi non per fare dispetto a tutti quelli che approfittano della giornata di cazzeggio per andare a far spese, ma perché oggi si celebra la conquista di diritti fondamentali, che a tutt'oggi non sono riconosciuti in tutti i Paesi, che ancora oggi non sono rispettati da tutti anche dove per legge dovrebbero esserlo. Se oggi i negozi stanno chiusi è per celebrare il fatto che se molti, purtroppo non tutti, i lavoratori hanno un orario di lavoro fisso, ferie pagate, il diritto "alla malattia", eccetera eccetera ah ops! è vero siamo in Italia, di che cazzo stiamo parlando?
Ma solo una cosa ancora, non volete festeggiare il Primo maggio? va benissimo però allora andate a lavorare invece di pretendere che gli altri lavorino per voi e vi permettano di cazzeggiare a sbaffo. E per voi niente concerto.




 "Lavoratori uniti per l'indipendenza". Namibia, 1989


Occupy Buffalo, Stati Uniti, 2012 


Milwaukee, Stati Uniti, 2011 


Manifesto ufficiale dei sindacati in Pakistan, 2010 


 Occupy Wall Street, Stati Uniti, 2012



Manifesto di Institute of network cultures, 2012 


Melbourne, Australia, 2010
 (Galleria via Internazionale).

Nessun commento: