giovedì 26 aprile 2012



L'edera si espande:
non sa contenere
la bellezza delle foglie.
Così anche la poesia,
quasi avesse rubato al cielo
le lettere per scrivere.


(Rabindranath Tagore).

Questo negli USA è il mese della poesia. Siamo a fine mese è vero ma che diamine le poesie sono belle sempre ovunque e alla fine una scusa vale l'altra per concedersi una cosa bella, e le poesie, quelle vere intendo, sono come quelle piccole sorprese che poi ti fanno felice per tutta la giornata. Non parlo dei grandi regali, o del sorpresone che uno ti fa per un evento particolare, ma dico quelle piccole cose in cui ogni tanto uno inciampa: una moneta nella tasca della giacca, il cioccolatino sul fondo del cassetto in ufficio, l'arcobaleno quando sei incazzato perché eri senza ombrello, un messaggio inaspettato...
La poesia è bella perché è un distillato, e perché quando tutto va veloce ti permette di rallentare e fare una pausa senza però perdere il filo di ciò che stavi facendo o restare indietro, è come una sorsata d'acqua durante la corsa. Quindi quello che ti suggerisco è di armarti di poesia, una al giorno può essere sufficiente e magari inizia con quelle per bambini. E se poi avrai ancora sete trova altri modi, sperimenta, soddisfati senza aver paura.





Nessun commento: