mercoledì 29 febbraio 2012

Descanso (si fa per dire)


Allora non è che son sparita, sono solo diversamente collocata, cioè ho aperto una parentesi nelle folli giornate di esperimenti matti e disperatissimi e me ne son venuta a Jerez de la Frontera. Qui è in corso il Festival Internazionale di flamenco e io ne approfitto per farmi un corso super intensivo e godermi spettacoli, sole e tapas. Il risultato al momento è che ho i piedi come zampogne e la sera cado nel letto svenuta più che addormentata, ma contenta. Per ora vi lascio con l'assaggio di una delle serate passate, e io intanto speriamo che me la cavo.

sabato 18 febbraio 2012

Lo scrittore nell'intimo

Come se nel cuore della natura di uno scrittore ci fosse la purezza. Il
cielo aiuti un simile scrittore! Come se Joyce non avesse annusato
oscenamente le mutande di Nora. Come se nell’anima di Dostoevskij non
avesse mai bisbigliato Svidrigailov. Nel cuore della natura di uno
scrittore c’è il capriccio. Curiosità, fissazioni, isolamento, veleno,
feticismo, austerità, leggerezza, perplessità, infantilismo eccetera. Il
naso nella cucitura di un indumento intimo: ecco la natura dello
scrittore. L’impurità.
(Philip Roth, “Inganno”)

giovedì 16 febbraio 2012

Matematica alla francese



Arithmétique è un cortometraggio animato liberamente ispirato a L’enfant et les sortilèges, opera di Maurice Ravel, e al mago dei numeri di Hans Magnus Enzensberger. La storia parla di un ragazzino che facendo i compiti di matematica controvoglia finisce con l'abbioccarsi sul libro di esercizi, ma è proprio in quella dimensione onirica che la magia e il fascino della matematica prenderanno corpo...
L'opera è stata appena presentata a Roma presso la galleria The House of the love and dissident (via Leonina 85, Rione Monti) dove è stata allestita anche un'esibizione che potrà essere visitata fino al 7 marzo.

Arithmétique from Giovanni Munari on Vimeo.

Gli amanti della matematica che invece preferiscono la capitale francese possono fino al 18 marzo andare a vedere alla Fondazione Cartier la mostra Mathematics: A Beautiful Elsewhere
alla quale si accompagnano una serie di serate, Les nuits de l'incertitude, in cui i temi della matematica si incroceranno a quelli di musica, finanza e altro ancora.

domenica 12 febbraio 2012

Darwin Day

Ed eccoci al Darwin day, avete fatto i compiti? In caso affermativo per approfondire e concedervi una tranquilla lettura domenicale qui trovate Il libro; se invece siete un po' più pigri 42 segnala questo video:

sabato 11 febbraio 2012

mercoledì 8 febbraio 2012

Viaggi tra evoluzione e genetica

Il Darwin Day si avvicina e, giusto per non farci trovare completamente impreparati, vi segnalo un paio di cosucce al volo: intanto leggendo l'articolo (scaricabile anche in pdf) di Lisa Vozza sul blog di Zanichelli Scienze oltre ad avere una bella panoramica sulla vita di Darwin dopo i suoi vorticosi anni di viaggio, scoprite come sia facile e suggestivo arrivare alla Down House, la casa in cui appunto visse la famiglia Darwin (Sto già cercando un biglietto per andare a farmi un giro, in primavera magari...). Scoprite inoltre che per Chiavi di lettura è appena uscito un bel libro che parla di Darwin, delle sue idee e di come queste continuino ad avere un forte impatto sul pensiero contemporaneo; potete anche assaggiarne un pezzo scaricandovi il primo capitolo ;)


E se siete proprio ingordi su questo sito trovate davvero di tutto, illustrazioni, lettere, pubblicazioni perfino file audio.

Altra cosina carina che vi segnalo: la mostra I viaggi di Luca Cavalli Sforza a Milano presso il Museo Civico di Storia Naturale fino al 1 aprile 2012. Merita.

domenica 5 febbraio 2012

Farmacie a colori

Lo dicevo io che gli svedesi mi stavano simpatici, e non solo per via dei miei traslochi ma perché talvolta hanno un modo di valorizzare le cose tutto loro: è essenziale e ha un nitore che distende. E il fatto è che a volte ci riescono con robe davvero improbabili, tipo le farmacie. Ora, la farmacia normalmente è sempre un posto un po' algido e comunque il più delle volte uno ci va perché deve comprare delle medicine. Che tristezza rendiamolo più piacevole si son detti più o meno quelli della Vårdapoteket, una catena svedese di farmacie che ha pensato bene di rinfrescare la propria immagine rendendola meno grigia. Con l'aiuto di designer ha creato un linguaggio grafico basato su immagini del corpo umano disegnate con colori allegri e positivi e le hanno usate per realizzare diversi materiali dall'allestimento degli interni delle farmacie alla carta per impacchettare le medicine. Guardatele: a me acchiappano un sacco, mi piacerebbe entrare in una farmacia così, e sinceramente mi sembra una trovata di marketing furba e ben riuscita, un buon connubbio tra autopromozione e attenzione per il cliente.





giovedì 2 febbraio 2012

E lo scienziato perché lo fai?

Frank Swain pubblica sul suo blog una breve lettera che più o meno fa così: caro scienziato perché studi le cose che studi? Perché hai scelto di studiare proprio quella cosa tra tutte le possibilità che avevi? Chi te lo fa fare? Questa ultima è una mia aggiunta, ma onestamente per quanto mi riguarda nella triade delle domande da un milione di dollari direi che ci sta, o diciamo che è la conclusione di molte delle conversazioni che intrattengo a volte con me stessa a volte con il topo con cui sto lavorando (sì, lavoro coi topi, e sì ogni tanto ci parlo, ma mica sempre eh). Il fatto caro Frank è che la tua ingenua e malefica domanda non è per nulla semplice, o magari chessò per qualcun altro leggendo le risposte che ti sono arrivate la questione è un po' più chiara ma non per me. Non per me che, sbollite ormai le vampate da dottorato, le manie di grandezza prima e le sindromi da Calimero dopo, mi ritrovo a nuotare senza braccioli in un oceano immenso e vorticoso che, alla faccia del "studio una cosa di nicchia", più che di nicchia di covo di serpi stiam parlando. E quindi la questione è anche questa, e non perché sono girata storta io stasera e sembra che la voglio fare cupa, la tua domanda Frank ne evoca un'altra fondamentale: che cosa significa fare lo scienziato? Ché già lì, uno mi chiede così per parlare cosa fai nella vita? IO a dire faccio la scienziata non ci riesco, mi pare come dire faccio la regina o faccio il papa o l'astronauta, qualcosa insomma che, per quanto effettivamente ci sia anche gente che fa la regina, il papa, l'astronauta o lo scienziato, suona in qualche modo esotico. E questo perché? Questo proprio per la domanda che tu hai fatto nel blog e le risposte che hai ricevuto. Mi spiego meglio: alla fine parlando con le persone, leggendo le loro opinioni, anche semplicemente cercando di spiegare a casa, alla vicina, dal panettiere quello che faccio alla fine risulta sempre come qualcosa di eccentrico che per carità può anche essere dovuto al mio modo di spiegare le cose ma resta il fatto che la percezione della scienza vista dal di fuori è un poco distorta. Non è questa la novità certo, la sfumatura che spesso sfugge, o forse gli stessi scienziati non ne parlano abbastanza, è che dietro a una passione sfrenata, dietro alla fascinazione per qualcosa di inesplorato che vuoi capire a tutti i costi come è fatto e come funziona e sembra di avere per le mani una scatola cinese dentro una scatola ce n'è un'altra e poi ti ritrovi come davanti a una sfinge che fa solo domande, dietro tutto questo dicevo c'è una persona che vi ci si arrabatta. Ed ecco la sfinge, la domanda, rispondi o sei bruciato. Publish or perish si dice. La ricerca, è anche questo. Giustamente da scienziato le tue ricerche e i tuoi dati li devi mettere alla prova dei numeri, della riproducibilità, della falsificabilità e del parere di altri scienziati e solo dopo che avranno superato tutte queste prove potranno essere pubblicati su una rivista scientifica peer review . Tutto questo comporta un lavoro spesso estenuante, lungo, che per quanto a qualcuno possa sembrare romantica come immagine quella dello scienziato chiuso in laboratorio ore e ore a sperimentare posso assicurare che arrivare a sera e continuare a stare chiuso in una stanza buia con il rumore bianco di fondo che arriva dal due fotoni acceso, tu solo col tuo topo di romantico ha ben poco. Ma è anche vero che quando poi finalmente un esperimento riesce e ottieni dei dati consistenti è una bella sensazione, sei spronato a continuare e finisce che nonostante le tante incazzature decidi di non smettere, così come non riesci a smettere di fumare. La realtà però è anche che la pressione è molta, la competizione alta, e per quanto riguarda per esempio i contratti e le posizioni che uno riesce a ottenere bisogna pure trovarsi al momento giusto nel posto giusto. Bisogna essere bravi, ma poi anche riuscire ad acchiappare il finanziamento giusto o la borsa di studio nel posto che riesce a incastrarsi almeno di striscio con la vita personale. Perché a volte non sembra ma anche lo scienziato è una persona in carne e ossa con una vita privata fatta di mariti, mogli, figli, amanti, cugini, gatti da accudire o a cui rendere conto e che magari lo devono seguire nei suoi spostamenti da un laboratorio all'altro. Quindi perché caro scienziato hai deciso di studiare proprio quello e non un'altra cosa? Perché mi affascina, mi piace, amo giocare alle domande difficili che uno non sa la risposta e, perché è capitato. Semplicemente, senza giri di parole o spiegoni da romanzo, talvolta capita e basta. Perché cercando di destreggiarmi tra passioni, vita privata, opportunità e rischi è capitato che finissi a studiare quella cosa e non un'altra. Altro paio di maniche è poi decidere se dove si è capitati si vuole restare oppure no...