venerdì 27 gennaio 2012

Le supposte



E qui di seguito, per gli amanti non solo di Toto' ma anche della parola in tutte le sue forme versioni usi lingue e dialetti, una breve selezione di poesie.


Che me manca!


I' tengo 'e llire, nun me manca niente,
me pozzo accattà chello ca me piace:
na statua d'oro, nu vapore argiento...
palazze, ville... case in quantità.

- Chi è cchiù felice 'e te?! - mme dice 'a ggente.
- Si ricco, si guaglione... che te manca? -
E chest' è overo, nun me manca niente.
Sulo na cosa mme vurria accattà...

Nu core... tutto core 'e tennerezza
ca me vulesse na muntagna 'e bbene...
ca me sbattesse 'mmano p' 'a priezza,
cuntento pe mme dà 'a felicità.

Dipende a me; nun voglio aspettà ancora.
Tuzzuliaje a porta 'e na figliola:
- Che t'aggia dà pe m'accattà stu core?
Qualunque prezzo, dì, che t'aggia dà? -

Me rispunnette cu bella maniera:
- '0 core nun se venne... se riala...
crediteme, ca io ve sò sincera...
cu 'e llire 'o core nun se pò accattà!


Essa
Me sceto a matina
cu ll'uocchie te cerco addò staje; duorme ...
vicino a me a suonno chino
te guardo: si bella!
Cu st'uocchie 'nchiuse,
cu stu pizzo 'a riso
si tale e quale a n' angelo
che sonna 'o paraviso.


'A livella



Al mio funerale sarà bello assai perché ci saranno parole, paroloni, elogi, mi scopriranno un grande attore: perché questo è un bellissimo paese, in cui però per venire riconosciuti qualcosa, bisogna morire.
(Franca Faldini, citando le parole del compagno Totò)

mercoledì 18 gennaio 2012

Vedo non vedo


Una cosa breve, ma importante ovvero Wikipedia oscurata, Intellectual Property e gli americani (mica tutti né...) che tra un SOPA e un PIPA paiono, come dire, un poco confusi come fa ben notare anche Stukhtra. Che fare, che pensare, fatti miei, nostri, loro, boh! Boh un piffero ché ci andiam tutti di mezzo, quindi una cosina da fare ci sarebbe: leggete, informatevi e invitate chi può a partecipare a questa iniziativa. Se vi va...

venerdì 13 gennaio 2012

E l'ape cosa fa?

Il regalo più bello che ho fatto lo scorso anno, o per lo meno quello al quale ho dato più significato, e' stato piccolo piccolo, stava in una bustina minuta che conteneva fiori non ancora cresciuti. Sarà se e quando vorrà il legittimo destinatario della bustina a far sì che diventino fiori adulti.
Perché vi racconto questo, perché oggi è venerdì e questo è anche il primo post del 2012 e in barba alle iatture che tutti lanciano io voglio pensare alla bellezza di quelle cose che crescono piano piano, che hanno bisogno di essere accudite, ma giusto un poco, che sono una promessa a cui si deve credere senza poter avere certezza del risultato finale anche a costo di una delusione, perché comunque ne sarà valsa la pena.
E perché mentre tutti sbraitano urlano si incazzano nel mondo succede anche questo:


Video di Louie Schwartzberg