giovedì 3 novembre 2011

L'ora del decesso


Stimata dando una sbirciata nel naso

Dice che è una cosa macabra, che ci vuol davvero tanto pelo sullo stomaco e che se decidi di fare il medico legale finisce che passi a parlare più tempo coi morti che coi vivi. Che poi a volte è davvero meglio parlare con uno che non può risponderti, almeno capisci il valore del silenzio, almeno ti eviti un bel po’ di malintesi e incazzature. A ogni modo credo che di pelo sullo stomaco certo ce ne voglia, ma che una volta superati il tabù della morte e la rimozione del lutto per la quale certi argomenti non si affrontano e non si parla dei morti, figuriamoci toccarli e studiarli, ciò che resta è un campo da esplorare. Scientificamente. Non per divertimento, beninteso, ma perché anche questo produce conoscenza e anche questi studi possono fornirci importanti informazioni per migliorare diversi ambiti del nostro agire.

Continua su Quarantadue

Nessun commento: