giovedì 15 luglio 2010

Dance your PhD





In genere uno se la canta. Ma si può anche ballare no? Muoversi a ritmo di musica, qualunque tipo di musica, è un richiamo atavico, una liberazione. Sei uno stoccafisso? Proprio senso del ritmo zero? Embé? mica devi fare il remake de Il lago dei cigni impersonando Carla Fracci. Ti devi solo lasciare andare e liberare da qualche pregiudizio.
A proprosito di pregiudizi, chi ha detto che gli scienziati in quanto a ritmo e movimento assomigliano più allo stoccafisso che alla Fracci? Guardatevi i video presentati al contest Dance your PhD sponsorizzato da Science e poi ne riparliamo.
Se hai preso o stai per prendere un PhD (tranquillo, non è una malattia rara ma solo un dottorato di ricerca) in ambito scientifico (biologia, chimica, fisica, scienze sociali) hai tempo fino al primo settembre per tradurlo in movimento e pubblicarlo sul sito del contest. Tra l'altro non per essere venali ma si possono vincere $1000 oltre ad avere la possibilità di sperimentare un inconsueto intreccio tra arte e scienza. Lo spirito di questa iniziativa è infatti anche quello di svecchiare e ripulire da alcuni preconcetti l'idea che molti hanno della ricerca: renderla più accessibile, facilitare la divulgazione scientifica e bla bla potrei continuare ma invece guardatevi questo come esempio:


The Quantum Ruler - Dance your Ph.D. 2010 from Krister Shalm on Vimeo.


Per chi preferisse i sottotitoli in scientifichese può dare un'occhiata anche qui: nature.com/nature/journal/v457/n7225/abs/nature07624.html.

I video presentati nelle precedenti edizioni sono tantissimi, ok alcuni forse sono un po' forzati ma li trovo ugualmente divertenti e stimolanti. Sto in realtà anche rosicando perché probabilmente non farò in tempo a prepararne uno mio da mandare. Sicuramente butterò giù qualche idea. E' pur sempre un esercizio di creatività e poi... non si sa mai.

1 commento:

Enrico ha detto...

Quando la passione contamina la propria vita e la si esprime in forme nuove si capisce come questa possa essere forte.