lunedì 11 gennaio 2010

Corpo automi robot


Man Ray, Etiquette (Coat stand), 1919-1920

Bella la mostra in corso a Lugano fino al 21 febbraio, il sottotitolo "tra arte scienza e tecnologia" rivela subito l'interessante connubbio tra modernità tecnologiche e arte di ieri e di oggi.

Il Museo d’Arte, nell’ambito delle iniziative promosse dal Polo Culturale della Città di Lugano, organizza, in collaborazione con la Fondazione Antonio Mazzotta di Milano e con la partecipazione del Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia “Leonardo da Vinci” di Milano e del Museo Cantonale d’Arte di Lugano la mostra “Corpo, automi, robot. Tra arte, scienza e tecnologia”, la quale affronta con un approccio interdisciplinare il rapporto tra il corpo umano e la rappresentazione che di esso è stata data da parte delle arti, della scienza e della tecnologia, soprattutto per quanto riguarda la dinamica dell’imitazione del corpo (con gli automi) e della sua sostituzione (con i robots).

Nessun commento: